Bilancio 2018: Continua la crescita a due cifre potenziando i servizi digitali

Bilancio 2018: Continua la crescita a due cifre potenziando i servizi digitali

Anche nel 2018 così come per i passati 12 anni, Assist Digital chiude il bilancio in crescita, per l’esattezza del 16% rispetto allo scorso anno, con un valore della produzione che sfiora gli 85 milioni di euro.

 

La crescita del 2018 è inoltre ancora più significativa se si considera che è stata realizzata interamente su base organica, in un contesto economico in fase di stagnazione.

 

“Siamo molto soddisfatti dei risultati conseguiti nel 2018 che confermano la bontà della strategia che stiamo perseguendo da diversi anni” ha dichiarato Enrico Donati, Executive Chairman “La continuità dei risultati nel 2018 è stata garantita ancora una volta dalla capacità di fare leva sull’innovazione combinata con solide performance di business generate per i nostri clienti. Il nuovo business plan da qui al 2022 ci porterà a realizzare un’innovativa piattaforma paneuropea per la trasformazione digitale del CRM e dei servizi di Customer Experience, senza uguali nel nostro mercato di riferimento”.

 

Alla crescita del fatturato è inoltre corrisposta una robusta crescita del personale, difatti le nuove assunzioni di figure specializzate hanno superato i 100 addetti. Fra le figure professionali più richieste ci sono: Data Management Engineer, Data Scientist, UX e Service Designer, Solution Architect, Software Engineer, CRM Consultant, Marketing Automation Expert, Project Manager.

 

“L’integrazione di figure professionali e di persone di qualità è per noi un fattore chiave di successo” ha dichiarato Francesca Gabrielli, CEO “Per questa ragione abbiamo avviato numerose iniziative per rendere ancora più attrattiva l’esperienza di lavoro in Assist Digital sia in Italia che all’estero. Lo sviluppo paneuropeo dell’azienda, insieme ad una cultura orientata all’inclusione e al rispetto delle persone e delle differenze, è un’ottima opportunità per i talenti che cercano sia sfide professionali che qualità delle relazioni umane”.

No Comments

Leave a Comment: